closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Riyadh risparmia al Qaeda e bombarda gli ospedali

Yemen. Raid contro una clinica mobile di Medici Senza Frontiere, la condanna Onu. I qaedisti indisturbati intanto occupano due città a sud, tra Aden e Hadramaut

Manifestazioni contro l'aggressione militare saudita in Yemen

Manifestazioni contro l'aggressione militare saudita in Yemen

Le bombe che l’Arabia saudita lancia sullo Yemen evitano accuratamente al Qaeda ma centrano in pieno gli ospedali. È successo mercoledì sera per la seconda volta in un mese e mezzo: Riyadh ha colpito la clinica mobile di Medici Senza Frontiere nel villaggio di al Khashabeh, vicino la città di Taiz. Nove feriti, due gravi. Lo staff è stato evacuato come successo il 27 ottobre: quella notte un bombardamento rase al suolo l’ospedale di Msf nel distretto di Haydan, nella provincia nord di Saada. Secondo testimoni Riyadh ha usato l’odiosa tecnica del “doppio attacco”: un primo raid e un secondo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.