closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Ritratti di donne cercando il racconto del nostro tempo

Rotterdam 50. I personaggi femminili attraversano la selezione del festival tra infelicità e tentativi di ribellione spesso impigliati nello script o in un eccesso dimostrativo. Fa eccezione «Landscapes of Resistance» di Marta Popidova, la storia di Sonja, partigiana titina in un continuo confronto col mondo

Sbirciando il meteo sull'Iphone a Rotterdam questi giorni c'è un po' di sole, nulla a che vedere con la primavera nostrana - e poi nel week end appare anche il simbolo della neve. Ma il festival che di solito occupa l'intera città per una decina di giorni si sta svolgendo online, visioni, incontri, Q&A assorbono la giornata, l'effetto è di vivere in una «bolla parallela» in cui si produce uno strano clash con la quotidianetà - la scelta era obbligata, in Olanda c'è ora un lockdown severo senza dimenticare le restrizioni di viaggio che prevedono la quarantena per chi entra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi