closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Riforme, si balla e i tempi si allungano

Da Bruxelles Matteo Renzi tuona contro quella parte del Pd «minoritaria» che «riapre discussione che sembravano chiuse» ogni volta che lui va all’estero. A Roma salgono a 19 i senatori della maggioranza che non digeriscono le riforme del premier. Ieri si è aggiunta la firma di Tito Di Maggio, dei Popolari per l’Italia, agli emendamenti di Vannino Chiti e Mario Mauro che tra l’altro chiedono un senato elettivo. E i numeri nell’aula di palazzo Madama, come dice anche il presidente Piero Grasso, sono dunque «sul filo del rasoio», nonostante l’ottimismo sfoggiato ieri dal pur irritato presidente del consiglio, che annuncia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.