closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Riforma penitenziaria: a Torino «sciopero del carrello» delle detenute

Nel carcere Lorusso-Cutugno. «Stiamo portando avanti la richiesta per il riconoscimento dei nostri diritti»

Una protesta che parla a tutte le carceri e chiede una riforma non rinviabile del sistema penitenziario. È quella partita da un gruppo di donne della sezione femminile del carcere di Torino Lorusso-Cutugno, che da ieri ha iniziato lo «sciopero del carrello». Rifiuteranno il vitto fornito dall'amministrazione «come dimostrazione pacifica contro l'immobilismo e il silenzio che gravano sui penitenziari italiani», segnati più che altrove dalle conseguenze della pandemia di Covid-19. Le detenute proseguiranno lo sciopero fino al 21 agosto. E per motivarlo hanno scritto una lettera: «Stiamo portando avanti la richiesta per il riconoscimento dei nostri diritti – si legge...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.