closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Riduci le disuguaglianze e avrai più crescita. Parola di Ocse e Fmi

Ricchi e poveri. Mentre i principali istituti dicono che gli squilibri sono un danno per lo sviluppo, i politici continuano ad alimentare le differenze e non abbandonano l'austerity. E la sinistra? Questo è proprio il campo su cui dovrebbe investire

Sembra sempre più evidente lo scollamento tra i risultati dell’analisi delle istituzioni internazionali e le politiche adottate e/o sostenute dai loro esponenti rappresentativi sul piano politico. Nell’ultimo mese, sia l’Ocse sia il Fondo monetario internazionale (Fmi) hanno pubblicato due rapporti sulle disuguaglianze economiche, le loro cause e gli effetti che derivano dal loro aumento in termini anche di crescita economica. Il rapporto dell’Ocse ha evidenziato che l’aumento delle disuguaglianze inizia ben prima della crisi economica ed è fortemente legato alla liberalizzazione del mercato del lavoro, che di fatto ha impoverito i lavoratori, non soltanto quelli meno istruiti. Poi la crisi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.