closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Riaperture, le regioni incalzano. Il governo rallenta la corsa

Sconcerto. I governatori chiedono di ripartire dal 26 aprile. Ma si arriverà a maggio e si comincerà dalle scuole per finire con le palestre

Prima il Cts, poi la cabina di regia e alla fine a tirare le fila sarà Draghi, in conferenza stampa. All’ordine del giorno le riaperture, capitolo sul quale al momento c’è una sola certezza: arriveranno. Il quando e il come restano in sospeso. Le Regioni hanno presentato ieri una proposta precisa: ristoranti aperti anche la sera con regole di distanziamento rigide. Anche quelli al chiuso, però «privilegiando gli spazi esterni», frase per la verità un po’ insensata. Cinema e teatri aperti, con le solite regole di distanziamento, mascherine, sanificazione e misurazione della febbre all’ingresso, questa però solo al condizionale. Senza...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi