closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Rialto nel mirino jihadista», tre arresti a Venezia

Un’intercettazione telefonica squaderna profili social, «studi» sugli esplosivi e devozione al Califfo. Così tre kosovari si sono rivelati tutt’altro che semplici camerieri: fra preghiere e fitness si addestravano per poter colpire Venezia. L’indagine si è conclusa l’altra notte con l’arresto di Arjan Babaj, 27 anni, residente nel sestriere di San Marco, leader della cellula terroristica; Dale Haziraj 25 anni, di Castello e Fisnik Bekaj 24, abitante a Marghera. Fermato anche un minorenne sempre kosovaro. Dopo una segnalazione anonima, gli investigatori hanno ascoltato conversazioni inneggianti all’Isis, con tanto di target. «A Venezia guadagni subito il paradiso, da quanti miscredenti ci sono....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi