closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

«Responsabilità italiana nei respingimenti in Libia»

Si salvi chi può. Diciassette sopravvissuti al naufragio del 6 novembre scorso fanno ricorso alla Cedu

Alcune immagini avevano già fatto il giro del mondo. Fotogrammi durissimi del salvataggio di decine di persone il 6 novembre 2017 da parte dell’Ong Sea Watch e del tentativo di ostacolare le operazioni da parte dalla guardia costiera libica, il tutto coordinato a distanza dal Centro di Coordinamento Marittimo (MRCC) di Roma. Alla fine solo 59 naufraghi sono riusciti quel giorno a salire a bordo della nave della Ong e a raggiungere Pozzallo, mentre altri 47 sono stati recuperati dai libici e riportati nei centri di detenzione. Almeno venti migranti hanno invece perso la vita prima che intervenisse Sea Watch....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi