closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Respirare è un diritto

Iniziative. La XIII edizione del Festival del turismo responsabile prende spunto da una frase del filosofo camerunense Achille Mbembe. E indica una via d’uscita dalla crisi

La respirazione non è solo un atto biologico e rivendicare il «diritto di respirare» obbliga a prendere atto che prima del Covid «l’umanità era già minacciata di soffocamento». Sono parole scritte da Achille Mbembe, filosofo camerunense considerato uno dei più importanti teorici del post-colonialismo. È dal suo pensiero che ha tratto spunto IT.A.CÀ, scegliendo di fare del diritto di respirare il tema portante per la XIII edizione del festival del turismo responsabile. Ideato nel 2009 da tre attori della cooperazione internazionale con sede a Bologna - Associazione Yoda, Cospe onlus e Nexus Emilia-Romagna - IT.A.CÀ è oggi diventato una rete...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi