closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Renzi e il motore ingrippato

La voce più critica che gira su Matteo Renzi è che il presidente-segretario non sopporta le critiche. Egli chiede e ottiene la rimozione dei giornalisti che gli appaiono contrari. Non manda il Kgb, ammesso che ne abbia uno a disposizione; si serve piuttosto, sempre stando al sentito dire, di un avvertimento ai direttori dei giornali: «Quello lì non lo invitiamo più». I direttori capiscono e si affrettano a cambiare inviato e ad attenuare i toni. D’altro canto Renzi si muove con una tale rapidità, agisce a ogni ora del giorno, tutti i giorni, che un quotidiano non può permettersi di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi