closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Regeni, lo striscione rimane in piazza

Campagna Amnesty International. Con un gesto opposto a quello del sindaco di Trieste, Debora Serracchiani lo espone sul palazzo della Regione. Contro la decisione di Dipiazza, lunedì manifestazione sotto le finestre del municipio

Lo striscione di Amnesty International per la verità su Regeni esposto sul palazzo della regione Friuli Venezia Giulia

Lo striscione di Amnesty International per la verità su Regeni esposto sul palazzo della regione Friuli Venezia Giulia

Forte dei 44.845 voti raccolti alle ultime comunali, smanioso di concretizzare una velleità esplicitata in campagna elettorale («Trieste è mia e me la riprendo»), e quelle politiche di sopraffazione e comando che sono la caratteristica della peggior destra triestina, Roberto Dipiazza, sindaco di Trieste al terzo mandato, venerdì scorso ha anticipato la decisione della compagine politica che lo sorregge (Lega Nord-FI-, Fratelli d’Italia) , di togliere dalla facciata del municipio triestino lo striscione di Amnesty International dedicato a Giulio Regeni, il giovane ricercatore sequestrato, barbaramente torturato e ucciso otto mesi e mezzo fa al Cairo, nell’Egitto del generale-presidente Al Sisi....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi