closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

«Recovery, chi prima arriva più soldi ottiene»

Le indicazioni della commissione Europea. Intanto Draghi cerca una mediazione difficile nella maggioranza per mandare il Pnrr entro aprile

Il presidente del consiglio Mario Draghi

Il presidente del consiglio Mario Draghi

Rush finale sul Recovery plan. Se da Bruxelles il commissario al Bilancio Johannes Hahn spiega che la logica per erogare i fondi sarà quella del «chi prima arriva, prima viene servito», in Italia Mario Draghi cerca l’ultimo accordo con i partiti sul piano da spedire alla commissione entro il 30 aprile. Fare in fretta consentirà di avere prima i soldi europei. Il commissario Hahn ha definito «molto realistico» prevedere che gli stati membri che si vedranno approvare per primi i piani di ripresa e resilienza potranno ricevere «il pre-finanziamento del Next Generation Eu, pari al 13%» dell’ammontare allocato agli Stati,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.