closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ramadi cade: Baghdad chiama gli sciiti, Washington nega la sconfitta

Iraq. La città occupata dall'Isis dopo l'arretramento delle milizie legate a Teheran imposto dagli Usa: il governo iracheno corre ai ripari, ma gli Usa si dicono ottimisti

Popolazione in fuga da Ramadi

Popolazione in fuga da Ramadi

Il diktat statunitense è costato almeno 500 vite e una città caduta. Ramadi, capoluogo della provincia di Anbar, dopo settimane di scontri tra esercito governativo e Stato Islamico, è stata completamente occupata dal califfo dopo l’imposizione di Washington, sostenuta dalle tribù locali sunnite: le milizie sciite irachene, gestite dall’Iran, sono state costrette a lasciare la prima linea del fronte per Ramadi. Per giustificare l’arretramento delle forze che avevano permesso la liberazione di Tikrit solo poche settimane fa, gli Usa hanno usato la minaccia settaria: intervenire con milizie sciite in una provincia instabile come quella sunnita di Anbar avrebbe potuto far...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.