closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Racconto crudele di giovinezza tra sogni di un futuro al neon

Intervista. Davy Chou racconta il suo primo film, «Diamond Island», un ritratto della Cambogia di oggi che è stato tra le sorprese del 2016

Lussuosa, kitsch, rumorosa e brulicante di vita: Diamond Island è il nuovo e luccicante «villaggio globale» in costruzione fatto di condomini di lusso, centri commerciali, ristoranti e discoteche che si staglia su Phnom Penh e dà il nome al film del regista franco-cambogiano Davy Chou. Visto a Cannes nella selezione della Semaine de la Critique, e realizzato col supporto del TorinoFilmLab, Diamond Island è uno dei debutti più interessanti dell'anno appena trascorso. Dalle campagne della Cambogia arriva per lavorare alla costruzione dell’«isola», come tanti suoi coetanei, il diciottenne Bora. Il giovane protagonista sente la nostalgia di casa, di sua madre,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.