closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Quella Supercoppa macchiata di sangue

Arabia Saudita . È sportwashing: grazie a Lega Calcio e squadre, nel 2019 i Saud hanno ospitato due Supercoppe italiane, a gennaio a Gedda, vicino a dove hanno frustato in pubblico il blogger Badawi

Riad, il capitano laziale Senad Lulic riceve la Supercoppa italiana dalle mani del principe saudita Abdelaziz bin Turki al-Faisal

Riad, il capitano laziale Senad Lulic riceve la Supercoppa italiana dalle mani del principe saudita Abdelaziz bin Turki al-Faisal

La Supercoppa che domenica pomeriggio la Lazio ha sollevato nel cielo di Riad (sportivamente meritatissima) è macchiata di sangue. Del sangue di migliaia di uomini, donne, bambini dello Yemen, che la coalizione a guida Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti ha ucciso a partire dal marzo 2015. Grazie alle bombe statunitensi, francesi, inglesi, tedesche, spagnole e anche italiane che hanno colpito senza pietà scuole, ospedali, abitazioni private, mercati, luoghi di culto e persino banchetti nuziali. Del sangue degli oltre 100 condannati a morte che sono stati decapitati nella pubblica piazza anche quest’anno. Del sangue di Jamal Khashoggi, la cui fidanzata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.