closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Quel giorno con Leah

Archivi. L'editoriale di Carla Fracci, pubblicato su il manifesto del 10 aprile 2002, durante l'assedio israeliano a Jenin. L'artista aveva incontrato la vedova di Rabin Leah, a Chianciano, una conversazione intima e la memoria del premier israeliano ucciso in un attentato

L eah Rabin l’ho conosciuta pochi mesi dopo che quel ragazzo, integralista israeliano di estrema destra, aveva sparato a morte a suo marito, Yitzhak Rabin, leader Nobel per la pace, ebreo come lui che aveva sparato. Era l’agosto 1996, a Rabin quel ragazzo sparò l’11 novembre dell’anno prima. La signora Rabin era una donna molto bella, per fierezza naturale, di appartenenza, una leonessa di grande razza. Sembrava scolpita, ebano e seta bianca, gli occhi poi così chiari che diventavano, quando il fervore la possedeva, via via sempre più chiari, fino a diventare due pozze di sola luce. La onoravano già...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi