closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Quei diavoli del British blues

Fenomeni/Ecco i nomi e i dischi che tra ieri e oggi hanno reso grande il movimento nato in Gran Bretagna negli anni ’60. Una schiera di gruppi e one-man band ha raccolto l’eredità di mostri sacri come Alexis Korner, Eric Clapton o John Mayall

Honeymoonshaker

Honeymoonshaker

«L'influenza del blues sul pop è stata così profonda fin dai primi anni Sessanta, che oggi è difficile mantenere distinte le due cose» (Paul Oliver) Con queste parole si apriva l'introduzione al seminale libro The Story of the Blues, pubblicato nel 1969 dal saggista e storico proveniente da Nottingham, Regno Unito. Un'affermazione che anno dopo anno si è palesata sempre più acuta e lungimirante: il blues è stato, è e probabilmente sarà, una musica «popolare» in Gran Bretagna. Lo dimostra, oltre la storicizzazione di tutte le icone pop e rock a cui Oliver accennava incluse quelle posteriori alla sua affermazione,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi