closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Quarantena in hotel, la «soluzione» irlandese fa arrabbiare l’Ue

Covid. Due settimane in albergo obbligatorie per tutti i viaggiatori dai paesi «ad alto rischio», nella lista sono stati inclusi Stati uniti, Francia, Germania e Italia

Dublino

Dublino

Nel gergo politico irlandese esiste un’espressione per definire soluzioni raffazzonate e di compromesso a problemi complessi: an Irish solution to an Irish problem. Un esempio molto calzante è quanto sta succedendo intorno alla decisione assunta dal governo irlandese di introdurre, a partire dal 26 marzo, due settimane di quarantena obbligatoria in albergo per tutti i viaggiatori in arrivo da paesi considerati «ad alto rischio» a causa del Covid-19. Il governo, guidato da una coalizione di partiti di centro-destra e verdi, aveva adottato la misura sotto pressione a causa della gestione fallimentare della seconda ondata della pandemia. A inizio gennaio l’effetto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.