closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Quando un oggetto è nocciolo dell’arte

RICORDI. È scomparso Hassan Sharif, pioniere dell’arte concettuale in Medio Oriente

Hassan Sharif, Colourful File No. 2, 2006 (Courtesy Gallery Isabelle van den Eynde, Dubai; Alexander Gray Associates, New York)

Hassan Sharif, Colourful File No. 2, 2006 (Courtesy Gallery Isabelle van den Eynde, Dubai; Alexander Gray Associates, New York)

[caption id="attachment_219599" align="alignleft" width="512"] Hassan Sharif (ph Maaziar Sadr), Courtesy Gallery Isabelle van den Eynde, Dubai[/caption] Fare-coltivare-cultura: una connessione che per Hassan Sharif, il pioniere dell’arte concettuale in Medio Oriente e nei paesi del Golfo, che si è spento per un brutto male il 18 settembre a Dubai, Emirati Arabi Uniti (dove era nato nel 1951) è alla base del suo procedimento intellettuale e artistico di «creatore di oggetti». «Prendere cose dalla realtà sociale, portarle nel mio atelier, sottoporle ad un procedimento ossessivo, fatto di processi molto semplici, ingenui, stupidi, silenziosi, inetti, non-sense, inutili, falsi e goffi. Dopo tutti questi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi