closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Punita la Sea-Watch 3. Tutti contro le Ong

Mediterraneo. Il fermo disposto dopo un controllo della Guardia costiera, nonostante una recente decisione del Tar a favore dell’organizzazione

La Guardia costiera a bordo della Sea-Watch 3

La Guardia costiera a bordo della Sea-Watch 3

Puntuale come una cambiale è arrivato il nuovo fermo amministrativo della Sea-Watch 3. Alle 10 di domenica mattina l’Ufficio di sanità marittima e di frontiera (Usmaf) di Augusta aveva rilasciato, dopo una quarantena durata 16 giorni, la «libera pratica sanitaria» che autorizzava lo sbarco. Prima che la gru sistemasse il ponte per la discesa a terra, però, sul lato della nave accostato alla banchina sono comparsi due ufficiali della Guardia costiera. Hanno chiesto di salire a bordo per un Port state control, un «controllo dello stato di approdo». Si tratta di ispezioni che verificano il rispetto delle principali convenzioni internazionali...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi