closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Puglia, la mano pesante dei giudici contro le proteste No Tap

Opposizione al gasdotto. Condanne fino a 3 anni per le proteste del 2017-2018

Il processo di primo grado che vede alla sbarra gli attivisti che si sono opposti alla costruzione del gasdotto Tap si è concluso con una marea di condanne. E’ un’azione giudiziaria massiva quella messa in campo contro le mobilitazioni che hanno attraversato il Salento destinatario suo malgrado dell’approdo della gigantesca infrastruttura energetica destinata a trasportare il gas dall’Azerbaijan all’Europa passando per l’Italia e osteggiata per la sua pericolosità e inutilità; 78 capi di accusa, quasi 100 imputati e 3 distinti procedimenti per reati quali danneggiamenti, resistenze, violazioni di divieti, oltraggi e manifestazioni non autorizzate. I fatti si riferiscono a quanto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi