closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Pronto il “Rahav”, cresce sui mari la potenza nucleare israeliana

Israele. La Germania, dove sono costruiti i sommergibili israeliani, contribuisce a creare un arsenale atomico galleggiante in Medio Oriente di cui nessuno parla.

Il

Il "Rahav" lascia il porto di Kiel in Germania

Mentre il Congresso discute il rinnovo, sicuro, del finanziamento annuale statunitense di tre miliardi di dollari, in gran parte ad uso militare, destinato a Israele, il portavoce delle Forze Armate dello Stato ebraico ha diffuso le foto del sottomarino "Rahav" ("Nettuno", in ebraico) che lascia il porto tedesco di Kiel diretto ad Haifa. Il "Rahav" è l'ultimo dei sommergibili di classe Dolphin II, di fabbricazione tedesca, ad entrare in servizio e, nel silenzio internazionale, accrescerà ulteriormente le capacità atomiche di Israele che non ha mai firmato il Trattato di non proliferazione nucleare e continua a mantenere segreto il suo arsenale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi