closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Primo sì del governo al «reddito di inclusione»: ai poveri da 190 a 485 euro

Una misura che distingue i più poveri tra i poveri e li sottopone al workfare

Il ministro del lavoro e del Welfare Giuliano Poletti

Il ministro del lavoro e del Welfare Giuliano Poletti

In un paese dove i poveri «assoluti» sono 4,6 milioni pari a 1 milione e 582 mila famiglie, ieri il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legislativo che introducei n Italia una «misura nazionale di contrasto alla povertà» riservata a 660mila famiglie, di cui 560mila con figli minori. Per il cosiddetto «reddito di inclusione» saranno stanziati «2 miliardi di euro l'anno nei prossimi anni» ha sostenuto il ministro del Lavoro Giuliano Poletti. Stando all’Ufficio parlamentare di bilancio le risorse stanziate, allo stato attuale, sarebbero 1,2 miliardi nel 2017 e 1,7 nel 2018. Le risorse restanti dovrebbero arrivare dall’unificazione di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.