closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Porto d’armi, i paletti del Consiglio di Stato. La Lega non ci sta

Essere un imprenditore e aver subito furti in azienda non basta per ottenere il porto d’armi. Il Consiglio di Stato ha ribaltato la sentenza del Tar che aveva accolto il ricorso del titolare di un’impresa di Piancamuno (Brescia) che chiedeva di poter possedere una pistola per difesa personale. Una richiesta che era stata respinta nel 2008 dal prefetto di Brescia e quindi l’imprenditore si era rivolto al Tribunale amministrativo regionale che appunto gli aveva dato ragione. Ma il provvedimento del Tar era stato impugnato dal ministero dell’interno (ovviamente non ancora guidato da Matteo Salvini) di fronte al Consiglio di Stato....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.