closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Poletti: “Cambiare la legge Fornero o problema sociale”

Previdenza. Il ministro ha espresso l'intenzione di intervenire dopo i decreti del Jobs Act, cioè da giugno in poi. Ma i sindacati chiedono di agire subito: "Serve un tavolo urgente, basta con i tweet"

Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti

Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti

Il governo sarebbe intenzionato a modificare la riforma Fornero della previdenza subito dopo l’approvazione dei decreti sul Jobs act (che scadono a giugno): l’intenzione è stata espressa ieri dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che ha espresso la volontà di intervenire sulla riforma «con strumenti flessibili che salvaguardino le persone vicine al pensionamento e che hanno perso il lavoro o rischiano di perderlo perché altrimenti il Paese avrà un problema sociale». All’allarme lanciato da Poletti hanno risposto i sindacati, sottolineando come la situazione sia grave già da tre anni. «Che bisogna intervenire lo sanno anche i muri», dice Carla Cantone...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.