closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Più veloce di Usain Bolt, la Cina fa rotta sulla Giamaica

Pechino senza freni. Un'autostrada per ricchi a cui l'atleta dei record avrebbe dovuto prestare il nome, miniere di bauxite, un isolotto santuario della natura da trasformare in hub commerciale... A Kingston il 2016 è l’anno del Dragone

Lavori di consolidamento sulla parete franata della nuova autostrada Ocho Rios-Kingston

Lavori di consolidamento sulla parete franata della nuova autostrada Ocho Rios-Kingston

Nello scacchiere caraibico la Cina ha mosso pedine importanti negli ultimi due anni, conquistando nel 2016 la «regina» Giamaica, prima con l’inaugurazione della nuova autostrada che da Ocho Rios porta a Kingston, poi con la ripresa delle trattative per la concessione di Goat Island, ai fini dell’apertura di un mastodontico hub commerciale. Non basta: l’acquisizione della cava di bauxite Alpart, la più grande dell’isola, intacca il predominio russo-statunitense, in joint venture con il governo giamaicano, sull’estrazione. E poco importano le proteste di ambientalisti e geologi, etichettati dal quotidiano nazionale The Gleaner come «romantici estremisti».       Le trattative diplomatiche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi