closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Pinotti a Israele: «Siamo sulla stessa barca»

Italia/Israele. La visita ufficiale della ministra della difesa in Israele ha ribadito i rapporti stretti tra Italia e lo Stato ebraico ma ha toccato anche la crisi libica in vista dell'ormai certo nuovo intervento armato occidentale. Mentre Pinotti affermava l'alleanza con Israele, a Qalandiya un palestinese veniva ucciso dalle forze di occupazione

La ministra della difesa Roberta Pinotti con il collega israeliano Moshe Yaalon

La ministra della difesa Roberta Pinotti con il collega israeliano Moshe Yaalon

Non ha smentito la sua fama di ministra con l'elmetto Roberta Pinotti durante la sua visita in Israele, ieri e lunedì. Una missione che ha avuto al centro i rapporti, sempre più stretti, dal punto di vista militare e della sicurezza, tra Italia e lo Stato ebraico e che ha toccato anche la crisi libica in vista dell'ormai certo nuovo intervento armato occidentale. La ministra della difesa ha detto che Israele e Italia sono «sulla stessa barca». Adottando le teorie del premier israeliano Netanyahu, Pinotti ha di fatto messo sullo stesso piano lo Stato Islamico e l'Intifada palestinese contro l'occupazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.