closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Piazza della Libertà: a Trieste dalla rotta balcanica

Frontiere. L’accoglienza ai migranti che arrivano dalla Bosnia

Il vecchio fuoristrada blu è così pieno di medicinali, bende, scatoloni, che non ci entrerebbe più nemmeno uno stuzzicadenti: Uli e Daniel sono medici specializzati della Ong Flüchtlingshilfe Ruchheim, sono partiti da Ludwigshafen e dopo dieci ore di guida sono arrivati a Trieste. Vogliono vedere il confine italo-sloveno, i boschi e le grotte carsiche dove i migranti si nascondono per sfuggire a polizie ed eserciti e cercare di raggiungere la città e poi un treno che li porti altrove. Un gruppo di medici che girano il mondo, che vanno dove la guerra e il disinteresse degli Stati hanno creato catastrofi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.