closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Pestato dalla Guardia di finanza»

Napoli. Il giovane lavora per un italiano. Con lui fermati altri 23 connazionali, sei sono feriti. Arrestato durante un blitz anti contraffazione, un uomo senegalese finisce in ospedale con lesioni multiple

Controlli sui venditori ambulanti immigrati della Guardia di Finanza

Controlli sui venditori ambulanti immigrati della Guardia di Finanza

Picchiato fino a perdere i sensi quando era già ammanettato nella caserma della Guardia di finanza di Gianturco, a Napoli. Questo ha raccontato Magnane Niane, 47 anni, da circa 10 in città, all’avvocato Liana Nesta quando finalmente è stato portato all’ospedale Loreto Mare. Il ragazzo senegalese si trovava ieri mattina alla Duchesca, la zona tra la Stazione centrale e il corso Umberto in cui si tiene un mercato popolare. Lavora per un italiano che ha uno stand con regolare licenza. I finanzieri arrivano in forze per un blitz contro la vendita di merce contraffatta, Magnane esce dal bar e si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.