closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Perché la «ripresa» è a rischio stagflazione

Crisi finanziaria. L’abnorme espansione del Debito Pubblico, soprattutto nei paesi occidentali, non può durare a lungo. Il rapporto debito/Pil è diventato in molti paesi, Italia in prima fila, un peso insostenibile nel medio periodo per cui è molto probabile che si fermerà l’acquisto dei titoli di Stato da parte delle Banche Centrali, e quindi si ridurrà la quantità del denaro in circolazione

Per oltre un decennio, da quando la crisi finanziaria importata dagli Usa colpì i paesi europei, governanti e banchieri aspettavano che i prezzi di molti beni di consumo tornassero a salire, dopo la caduta determinata dalla crisi della domanda da parte di imprese e consumatori. Più volte la Bce, la Commissione Europea, ed anche la Fed, invocavano un aumento dell’inflazione al 2%, cifra ideale secondo gli economisti mainstream per sostenere la crescita senza perdere il controllo dell’aumento dei prezzi. COME SAPPIAMO per combattere la recessione che batteva alle porte le banche centrali di Usa, Ue, Giappone e Gran Bretagna, hanno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.