closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Pena di morte, cinesi il 67% delle condanne

Nessuno tocchi Caino. Nessuno tocchi Caino ha inoltre conferito a Papa Francesco il premio di «Abolizionista dell’Anno 2015»

Dal rapporto annuale dell’associazione, che ha registrato almeno 2.229 esecuzioni nei primi sei mesi del 2015, emerge che la Cina è il primo paese ad effettuare condanne a morte, con il 67% delle esecuzioni totali, seguita dall’Iran e dal Pakistan. I paesi che registrano un’intensa attività del boia, sono scesi da 54 di dieci anni fa a 37 (31 dei quali sono considerati delle «dittature») e l’Asia sembra essere il continente dove si pratica la quasi totalità della pena di morte nel mondo, anche se molti paesi, per lo più autoritari, non forniscono statistiche ufficiali sul numero delle condanne eseguite....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.