closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Patto del Leopardo» con Erdogan, in Germania esplode il caso

Inchiesta giornalistica sui retroscena della liberazione di Deniz Yücel. L’ipotesi di uno scambio tra Diritti umani e tecnologia militare per i tank turchi impiegati in Siria

L'ultima versione del tank di fabbricazione tedesca Leopard 2

L'ultima versione del tank di fabbricazione tedesca Leopard 2

Il «patto del Leopardo» fra Berlino e Ankara: la liberazione del giornalista Deniz Yücel in cambio dell'aggiornamento dei panzer di Erdogan schierati in Siria. Uno scambio diplomatico a misura di due realpolitik opposte ma tutt'altro che incompatibili. In pratica funziona così: nel 2018 il governo Merkel ha incassato il «Free-Deniz» che aveva mobilitato l'opinione pubblica nazionale e messo sotto pressione la GroKo, quindi oggi Erdogan può montare le piastre di protezione sulla corazza dei suoi carri armati Leopard-2 così «sorprendentemente simili» a quelle prodotte dalla tedesca Rheinmetall. INSOMMA, DIRITTI UMANI contro tecnologia made in Germany fondamentale, in buona sostanza, per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi