closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Patrick Zaki: governo coinvolto negli affari, ma non sui diritti umani

Diritti umani. Ricordiamolo: un atto di indirizzo votato dal parlamento obbliga il governo ad agire. Che il capo del governo abbia dichiarato che non è coinvolto lo trovo un fatto grave

Un secchiello di cubetti di ghiaccio. Lanciato contro oltre 200.000 persone che avevano sottoscritto la proposta. Contro i 208 senatori che avevano votato a favore, tra cui Liliana Segre che era venuta appositamente a Roma per proteggere simbolicamente quello che ha chiamato «suo nipote». Contro quel nome e cognome scritto nell’ordine del giorno e pronunciato tante volte durante il dibattito parlamentare. Che la proposta di conferire la cittadinanza italiana a Patrick Zaki fosse destinata a un cammino lungo e tortuoso lo si sapeva. Le mani avanti le aveva messe lo stesso governo, durante il dibattito parlamentare, manifestando cautela circa il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi