closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Passioni genealogiche per la relazione

SCAFFALE. «Splendi come vita», il primo romanzo di Maria Grazia Calandrone per Ponte alle Grazie

Maria Grazia Calandrone (2016, licenza creative commons)

Maria Grazia Calandrone (2016, licenza creative commons)

Il primo romanzo di Maria Grazia Calandrone (Splendi come vita, Ponte alle Grazie, pp. 224, euro 15,50) si dispiega intorno a due genealogie, una mancante per la morte dei genitori biologici, l’altra ricevuta dalla famiglia adottiva. In questo doppio, vicinanza e assenza, sono due segni potenti, di cui il secondo è ombra dell’altro. La passione per la genealogia del resto, va oltre il soggettivo, si fa sempre incontro con la storia, riconquista di un’appartenenza. È la madre adottiva la figura centrale di questo narrare e interrogarsi sull’amore, sulla crescita personale, sulla devastazione di un femminile caparbio, ma fragile e su...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi