closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

«Parigi derogherà sulla Convenzione. Scelta politica ma non ha carta bianca»

Diritti umani. Intervista a Nicoletti, deputato Pd e vicepresidente dell'assemblea del Consiglio d’Europa: è sbagliato evocare la guerra

«La Corte europea dei diritti dell’uomo comprende le difficoltà degli stati nella lotta al terrorismo, ha tuttavia una giurisprudenza molto rigorosa a tutela anche degli stessi terroristi contro l’uso della tortura e delle pene degradanti». Lo ha detto il nuovo presidente della Corte di Strasburgo, l’italiano Guido Raimondi, intervenuto ieri a Roma alla cerimonia per il 65esimo anniversario della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. La «Cedu» si occupa di far applicare la Convenzione, firmata dagli stati fondatori del Consiglio d’Europa (erano 10, oggi sono 47) il 4 novembre 1950 a palazzo Barberini. Michele Nicoletti,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi