closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Paolo Conte tra spazio reale e il tempo immaginario

Note sparse. In cd e in vinile il recente concerto alla residenza sabauda di Venaria Reale

Paolo Conte

Paolo Conte

Nei racconti ucronici assistiamo al deragliamento del tempo reale ritrovandoci in un altrove ipotetico, uno scenario alternativo i cui eventi rispondono alla domanda «cosa sarebbe accaduto se?». Di quelle trame abbiamo familiarità letteraria e cinematografica, e non ci aspettiamo di ritrovarle in forma canzone. Ma non è forse un altrove ipotetico anche quello di Paolo Conte? La sua grammatica musicale apparteneva già al passato, quando decise di farne cifra stilistica, eppure nella sua poetica gli anni ruggenti del jazz non sono mai tramontati. In quella realtà parallela il Mocambo è ancora aperto e tra le sue pareti sempre più immateriali...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.