closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Paolo Castaldi, meravigliosamente singolare

Musica. Morto a 90 anni il compositore e saggista. Incarnava la contemporaneità come sottrazione ai dettami, ai dogmi e alle formule

Paolo Castaldi

Paolo Castaldi

Data cruciale: 14 giugno 1979. All’Arena di Milano erano in sessantamila, in gran parte persone del «movimento» di allora, ad ascoltare il Concerto per Stratos. Il Concerto – destinato a rimanere nella memoria, nel culto persino – in omaggio a Demetrio Stratos morto il giorno prima, vocalista sperimentatore, uno che con le esperienze estreme intorno alla voce, al canto inaudito, estreme eppure tanto socializzabili (e portate ai Festival del Proletariato Giovanile), si era giocato la vita. Sul palco nello stadio tanti cantanti pop, rock e cantautori e un performer curioso, in frac, un pianista per l’occasione anche vocalista. Giancarlo Cardini...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi