closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Pandemia ed eterotopia

Commenti. Il concetto foucaltiano di eterotopia alla luce della pandemia da Covid-19

La preghiera di Papa Francesco nella piazza San Pietro vuora (26/03/2020)

La preghiera di Papa Francesco nella piazza San Pietro vuora (26/03/2020)

Negli anni ‘80 del secolo scorso Michael Foucault elaborò il termine «eterotopia» che, nella sua forma più essenziale, definisce «quegli spazi che hanno la caratteristica di essere connessi a tutti gli altri ma in modo da sospendere, neutralizzare, invertire l’insieme dei rapporti che essi rispecchiano o riflettono». Cinquant’anni prima, dall’altra parte del mondo, in Argentina e precisamente nel 1929, si spegneva, dopo una «imperiosa agonia» Beatriz Viterbo. Questa splendida figura di donna era amata dallo scrittore forse più immaginifico della storia della letteratura fantastica, dunque “eterotopica” per eccellenza: Jorge Luis Borges che, intorno a lei e per lei, creò l’immagine...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi