closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Palmina, l’atroce paradosso di un femminicidio

A teatro. Barbara Grilli porta in scena il caso di cronaca nera del 1981 rimasto impunito che ha trasformato la vittima in calunniatrice

Barbara Grilli

Barbara Grilli

L’ennesimo, brutale femminicidio mafioso rimasto impunito. Anzi, un atroce paradosso giudiziario ha trasformato la vittima in calunniatrice. È condannata in contumacia, la 14enne Palmina Martinelli, perché si sarebbe data fuoco da sola, per poi accusare due giovani, dediti allo spaccio di droga e allo sfruttamento della prostituzione. Invita a ridere della sentenza Barbara Grilli, attrice di questo pezzo di teatro «civile» che caparbiamente torna su un crimine, ora portato al Tribunale di Strasburgo, ma rimosso dalla storia delle comunità pugliese in cui si è consumato, nel 1981. Eh, gli Ottanta, anni di spensierato, e indotto, edonismo, mentre le lotte e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.