closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Palestinese vuole indietro il generatore, i soldati israeliani lo feriscono gravemente

Cisgiordania occupata. Quando i militari hanno requisito il suo generatore di elettricità, Harun al Aram, ha provato a recuperarlo. Una soldatessa gli ha sparato un colpo alla gola. Intanto i coloni israeliani sono in rivolta dopo la morte in un incidente di un loro compagno

Nel fermo immagine da Twitter Harun Al Aram tenta di recuperare il suo generatore

Nel fermo immagine da Twitter Harun Al Aram tenta di recuperare il suo generatore

Un generatore di elettricità è un piccolo tesoro a sud di Hebron, tra le aree più povere della Cisgiordania. Chi vive nei piccoli villaggi palestinesi di quella zona la corrente in casa può solo sognarla. Non poche famiglie vivono nelle grotte. Da quelle parti è raro l'allacciamento alla rete idrica o elettrica e possedere un generatore è un’ancora di salvezza. Per questo, quando qualche giorno fa ad Al Rakiz, Harun al Aram, 24 anni, ha visto i soldati israeliani prendergli il suo piccolo generatore alimentato a gasolio trovato all’interno di un «capanno illegale», ha provato a recuperarlo. Ci si è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi