closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Paga, rottama e taci Ma le cartelle Equitalia si possono contestare

Tasse Ingiuste. L’Agenzia entrate-riscossione sfrutta la paura dei contribuenti. Anche se le multe sono ingiuste si è spinti a pagarne una parte. Il 15 è la scadenza per accedere allo sconto ma molti debiti non vanno proprio saldati

Contribuenti in fila in una ex sede Equitalia

Contribuenti in fila in una ex sede Equitalia

Si chiama «Definizione agevolata 2000/17» o, più volgarmente, rottamazione. Entro il 15 maggio si possono infatti estinguere i debiti iscritti a ruolo attraverso un versamento a sanatoria senza pagare le sanzioni e gli interessi di mora. L’Agenzia delle Entrate Riscossione, un tempo Equitalia, annuncia l’apertura straordinaria dei suoi sportelli per la scadenza del 15 maggio e non nasconde il «successo»: già oltre 450mila domande di rottamazione con il Lazio in testa seguito dalla Lombardia. Assieme sfondano quota 100mila domande. Recupero previsto: 1,6 miliardi nel 2018 e 400 milioni nel 2019. TUTTO BENE? SÌ, PER L’AGENZIA delle entrate. Meno per chi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi