closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Paesaggio apocalittico per suoni world

Festival. In epoca socialista la chiamavano «il cuore d’acciaio della Cecoslovacchia». Oggi Ostrava ospita nelle vecchie fabbriche «Colours», una delle rassegne europee di punta

Il fumo non sbuffa più dai pennoni industriali di quello che, ai tempi della cortina di ferro, veniva chiamato «il cuore d’acciaio della Repubblica». La terza città per grandezza della Repubblica Ceca (dopo Praga e Brno) ha praticamente eliminato lo stantuffo delle industrie metallurgiche, siderurgiche, meccaniche, chimiche e petrolchimiche. Il declino dell'energia a carbone e il dirompente rischio ecologico di altre strutture le stava rendendo anacronistiche. Per questo molte delle industrie pesanti oggigiorno sono state chiuse o convertite in musei, mete turistiche, spazi per la cultura. Tutte strutture che conservano però le strutture imponenti di quei tempi. Inquietanti cattedrali industriali...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.