closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Opposizioni: «Negoziato con Assad per cacciare Assad»

Siria. Il meeting di Riyadh si chiude con un risultato che tiene poco conto degli equilibri militari. Ahrar al-Sham si ritira. Duello a distanza tra Arabia saudita e Iran

Miliziani delle opposizioni al governo di Damasco

Miliziani delle opposizioni al governo di Damasco

Il lussuoso hotel saudita dove da due giorni le opposizioni siriane sono riunite è specchio del campo di battaglia. Le dissimulate spaccature degli ultimi anni hanno portato ad un risultato che sa di incoerenza: sì al negoziato con Assad ma no alla partecipazione dell’attuale governo al futuro della Siria. Non era cominciata bene, con i kurdi siriani di Ypg e Ypj che organizzavano un meeting alternativo a quello di Riyadh perché non invitati e gli islamisti di Ahrar al-Sham (alleati con al Nusra, braccio siriano di al Qaeda) accolti con tutti gli onori. Ma ieri a rompere è stato proprio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi