closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Open Arms torna a navigare dopo due mesi di fermo amministrativo

Mediterraneo. Era stata bloccata a Pozzallo il 17 aprile scorso. Per Oscar Camps, fondatore della Ong spagnola, l’Italia «interpreta a suo modo e nel proprio interesse le ispezioni del Port state control che sono pensate per le navi commerciali e non per le imbarcazioni con scopi umanitari»

La nave Open Arms

La nave Open Arms

Dopo 69 giorni di blocco la nave spagnola della Ong Open Arms ha potuto finalmente mollare gli ormeggi e tornare a navigare. In queste ore sta facendo rotta verso le coste iberiche. Era detenuta nel porto di Pozzallo dal 17 aprile scorso quando, in seguito a un Port state control durato 16 ore e realizzato da una squadra di ispettori della Guardia costiera specializzati in Ong, aveva ricevuto un provvedimento di fermo amministrativo.  L’ottavo in 12 mesi per un’imbarcazione umanitaria (il nono è arrivato alcune settimane dopo per la Sea-Eye 4). Nel caso di Open Arms si sono registrati due...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.