closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ong palestinesi sotto attacco. Per Israele sono organizzazioni terroristiche

Territori occupati. La dichiarazione del ministro della difesa Gantz le mette al bando e autorizza l’esercito a chiudere i loro uffici, a sequestrare i loro beni e ad arrestare e incarcerare il loro personale. Forti le proteste internazionali. Critiche a Israele dagli Usa

Ramallah. Shawan Jabarin, il direttore di Al Haq

Ramallah. Shawan Jabarin, il direttore di Al Haq

Non si contano le condanne da ogni punto del pianeta alla decisione del ministro della difesa israeliano Benny Gantz di proclamare «organizzazioni terroristiche» sei ong palestinesi che difendono i diritti umani perché, a suo dire, sarebbero una copertura delle attività del Fronte popolare per la liberazione della Palestina (Fplp) - partito di orientamento marxista presente con tre deputati nel Consiglio legislativo palestinese e con un’ala armata - che Israele considera un gruppo terroristico. Protestano l'Ue, i Democratici progressisti Usa, alcuni gruppi ebraici statunitensi e le principali organizzazioni internazionali per i diritti umani e alcune di quelle israeliane. Persino l’Amministrazione Biden...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.