closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Non investite nelle colonie israeliane»

Territori Occupati. Cinque Paesi europei, tra i quali l'Italia, "avvisano" le loro aziende che avviare attività finanziarie e investimenti nelle colonie israeliane potrebbe avere conseguenze legali. «Se continuerà l'espansione delle colonie, altre nazioni Ue emetteranno simili avvisi», ha spiegato il rappresentante dell'Ue in Israele Lars Faaborg-Andersen.

«E’ un primo passo importante verso il rispetto da parte dell’Italia e di altri Paesi europei del diritto internazionale. Le colonie israeliane sono illegali e vanno boicottate. Se l’Unione europea intende tenere fede alle sue direttive, allora deve sospendere il trattato di adesione di Israele perchè è sistematicamente violato (da Tel Aviv)». Così Omar Barghouti, uno dei leader della campagna internazionale di boicottaggio dell’occupazione israeliana, ha detto ieri al manifesto, commentando la mossa compiuta da cinque paesi europei - Germania, Gran Bretagna, Francia e, in secondo momento, anche da Spagna e Italia - decisi ad “avvertire” i propri cittadini a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.