closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Non c’è crisi per l’Italia militare nella Nato

L'arte della guerra. La rubrica settimanale a cura di Manlio Dinucci

Mentre l’Italia è paralizzata dalla «crisi economica che la pandemia ha scatenato» (come la definisce Draghi nel discorso programmatico), c’è un settore che non ne risente ma anzi è in pieno sviluppo: quello militare nella Nato. Il 17-18 febbraio, nel momento in cui Senato e Camera votavano la fiducia al Governo Draghi, il riconfermato ministro della Difesa Lorenzo Guerini (Pd) già partecipava al Consiglio Nord Atlantico, il primo con la presenza della nuova amministrazione Biden. All’ordine del giorno l’ulteriore aumento della spesa militare. Il 2021, ha sottolineato il segretario generale della Nato Stoltenberg, sarà il settimo anno consecutivo di aumento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi