closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

«Noi un mese di vita, voi senza alibi»: L’Unità domani non sarà in edicola

Editoria. Si concretizza per il quotidiano fondato da Antonio Gramsci il rischio di liquidazione coatta. Primo giorno di sciopero dei lavoratori

«L’Unità ha un mese di vita: se entro la fine di luglio non si manifesterà un’offerta di acquisto solida, credibile, che salvaguardi la testata e i suoi lavoratori, il fallimento non sarà più un rischio ma una certezza». Una giornata drammatica, quella di ieri, per i giornalisti e i poligrafici del quotidiano fondato da Antonio Gramsci, come è «drammatico», secondo quanto riferito dal Cdr, il quadro emerso dall'incontro che le rappresentanze sindacali hanno avuto con il collegio di liquidatori nominati il 12 giugno scorso dalla società editrice Nie per «massimizzare il valore degli asset societari» e scongiurare il fallimento. Per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi