closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

No Tav ferita al volto: «È stato un lacrimogeno». La Questura nega

Valsusa. La donna ricoverata sarà sottoposta a un intervento chirurgico

Giovanna Saraceno, l’attivista No Tav ferita gravemente al volto sabato sera a San Didero (Valsusa), si trova ancora ricoverata all’ospedale Molinette di Torino. Ieri i medici hanno confermato l’intervento maxillo-facciale programmato per giovedì mattina, perché la frattura più brutta è quella alla parte inferiore dell’orbita oculare, oltre quelle allo zigomo e al naso. Il movimento No Tav denuncia l’operato delle forze dell’ordine, per il fitto lancio di lacrimogeni ad altezza uomo, e come queste stiano «tentando di sviare dalle proprie responsabilità nel ferimento di Giovanna». Fonti della Questura di Torino sostengono che è invece «impossibile» che le ferite riportate dall’attivista...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.