closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Netanyahu tenta il braccio di ferro con l’Ue

Colonie. Il premier israeliano pronto a dare il via libera ad altri 900 appartamenti per coloni in Cisgiordania. Il suo governo annuncia che non firmerà accordi con Bruxelles

Il governo Netanyahu si lamenta e annuncia ritorsioni contro le nuove direttive adottate il mese scorso dall’Unione europea che escludono qualsiasi forma di cooperazione finanziaria, accademica e bancaria con le colonie israeliane nei Territori palestinesi e arabi occupati e con le imprese, associazioni e istituzioni che collaborano con esse. Si lamenta ma non rinuncia ai piani di colonizzazione contestati dagli europei. Ieri una nuova rivelazione. L'amministrazione civile israeliana ha dato l'approvazione preliminare ai progetti per la costruzione di 878 case in insediamenti ebraici in Cisgiordania. Lo ha riferito il quotidiano Haaretz sottolineando che la mossa – in attesa del via...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi